Visualizzazione post con etichetta Car sharing. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Car sharing. Mostra tutti i post

domenica 14 aprile 2013

RIECCOCI!!! Tra meteo, Carsharing e annunci di lavoro sulla Community

Ciao a tutti!
 
 
.. rileggendo il post prima di pubblicarlo.. ci rendiamo conto che è privo di filo logico, ma quando si passa molto tempo senza aggiornare il blog, si vogliono dire tantissime cose tutte insieme e si crea un certo livello di caos...
ma.. facciamo che va bene così.
 
Finalmente ci rifacciamo vivi e come prima cosa chiediamo scusa a tutti se non ci siamo fatti sentire per un po'... Siamo ancora qui a Toronto e stiamo bene; purtroppo (ma anche fortunatamente, come ci ha fatto notare qualcuno di voi) siamo stati sommersi dal lavoro e il poco tempo libero che avevamo l'abbiamo dovuto dedicare alle poco piacevoli ma necessarie faccende domestiche: spesa, lavatrici... :(
Eggià forse non lo abbiamo ancora detto: io lavoro part time in un negozio di telefonia.. per cui sto incontrando i personaggi canadesi più disparati: dai giovanissimi ai molto meno giovani, da quelli recentemente immigrati in Canada a quelli che sono qua da anni.. da quelli di poche parole.. a quelli che ogni volta ti raccontano metà della loro vita...per non parlare di chi mi ha voluto raccontare la sua teoria sulla prossima fine del mondo (che sarebbe dovuta avvenire circa un mese fa). Certamente una ottima palestra per mantenere allenato l'inglese e molto interessante per capire meglio la tipologia di persone che abitano in questa città.
 
Metà Aprile e la primavera a fatica sta cercando di avere il sopravvento sull'inverno e pian piano ci stiamo scrollando di dosso tutto il freddo accumulato in questi mesi... Il vero problema non il freddo intenso, ma la durata infinita dell'inverno!!!
Attualmente giornate tipicamente primaverili si stanno alternando a giornate di pioggia e... NEVE!!! Su qualche scarpata rivolta a sud... qualche fiore sfida le temperature ancora prossime allo zero.
Ho come l'impressione di stare diventando un po' canadese... non pensavo di riuscire a parlare cosi' tanto del tempo!
 
Dopo un anno e mezzo in Canada siamo sempre più convinti che qui gli argomenti di conversazione li puoi contare sulle dita di una mano:
1) il tempo: è sicuramente il più gradito, la gente può passare ore a discutere e lamentarsi del tempo senza sentirsi minimamente idiota...
2) cosa si fa o come si è passato il week-end: tutto deve rimanere comunque molto superficiale altrimenti si percepisce immediatamente la sensazione di privacy invasa.
3) Lo sport: ma solo hockey, baseball o basket (per quanto riguarda Toronto). Qui il calcio è uno sport prevalentemente femminile.
4) Europa e Italia in particolare: questo è l'argomento che conquista il cuore di ogni canadese: tutti amano il vecchio continente ed in particolare l'Italia! E tutti (almeno chi ha potuto farlo) descriveranno il bellissimo ed estenuante tour di 10 giorni in Italia durante il quale sono riusciti a vedere tutto lo Stivale! 2 giorni a Venezia, 1 a Firenza, 2 a Roma.
..
 
Una volta esuriti questi argomenti solitamente cala il silenzio e se anche si tenta con altri argomenti si riceveranno solamente assensi o dissensi e il discorso cade nel nulla…
Dimenticavo, è d'obbligo chiedere sempre "come stai?" anche se vedi la stessa persona tutti i giorni o più volte al giorno e ogni volta anche si sente al telefono...
La cosa strana ed anche preoccupante è che a forza di recitare queste scenette.. quando ci si trova a casa o al telefono con amici, parenti.. si comincia il discorso con le stesse frasi di routine!! :D

Saltando di palo in frasca, ci siamo finalmente iscritti ad un programma di carsharing, come funziona? Semplice: sparse per la città ci sono alcune macchine che è possibile prenotare dal web per il tempo che si ritiene necessario .. quando si è finito di usarla, la si riporta al parcheggio convenzionato.
A Toronto, come a Vancouver ci sono 2 compagnie presenti: ZipCar e Car2Go.
ZipCar ha diverse tipologie di auto e di MemberShip, tariffazione oraria con tetto giornaliero e l'auto va restituita nel parcheggio dove è stata prelevata. Per esempio con la membership più economica il noleggio dell'auto parte dai 9$/ora o 80$/giorno (dipende dal tipo di auto che scegli) e sono inclusi 150-200km, la benzina e l'assicurazione. Se per curiosità volete dare un'occhiata questo è il link
Car2Go è leggermente più economica e con tariffazione al minuto anzichè all'ora .. sempre con un massimo sia orario che giornaliero. L'unico aspetto negativo è che ha solo Smart, per cui se la si usasse sulle arterie principali.. forse non ci sentirebbe molto a proprio agio vicino ai "Carrozzoni" stile americano!! Secondo me, Car2Go è ottimale per le piccole commissioni (tipo spesa) per cui ti serve l'auto solo per poco tempo. Inoltre con Car2Go puoi lasciare l'auto in qualsiasi parcheggio della città contrassegnato da una P verde. Idem, se per curiosità volete dare un'occhiata questo è il link
Noi, avendo intenzione di usare la macchina per viaggi fuori porta, abbiamo optato per "zipcar".
Per iscriversi e necessario avere la patente dell'Ontario da almeno un anno...cosa che noi non avevamo naturalmente, ma dopo svariate e-mail ci hanno detto che sarebbe stato sufficiente avere dall'Italia l'attestato di rischio degli ultimi 5 anni. Cosi' abbiamo fatto e dopo 2 giorni la nostra card ci stava già aspettando agli uffici; è possibile anche farsi inviare a casa la tessera, ma i tempi d'attesa sono un po' più lunghi (una settimana).
 
Ora non ci resta che avere un sabato di sole per sperimentare la nostra nuova Zipcard ed andare alla scoperta delle cittadine intorno a Toronto, protremo poi raccontarvi sia l'esperienza di guida "Canadese" sia cosa c'è fuori dai confini cittadini :D
 

In questo periodo sono successe tantissime cose che avremmo voluto scrivere, ma ora che che ho tempo per scriverle ed un computer di fronte... puff...sparite; credo di aver bisogno di qualcosa per riattivare i neuroni dopo l'inverno...l'anno scorso ho comprato una scatola di ginkgo biloba, che dovrebbe aiutare tantissimo la memoria...peccato che dimenticassi di prendere le pastiglie!!! Ritenterò anche quest'anno .. se mi ricordo. :)

.. giusto!! Domenica scorsa!! Si, Domenica è stata una piacevole sorpresa, infatti ci siamo trovati a cena con una mia compagna di classe delle superiori che non vedevo da 15 anni! Ebbene si', abitavamo entrambe a Reggio Emilia.. e ci siamo ritrovate proprio qui a Toronto!
Anche lei e suo marito hanno deciso di lasciare l'Italia per un po' e vedere se l'erba del vicino (si fa per dire) è un po' più verde. Come noi, sono qui con un work permit di due anni e tra un mese nascerà, qui in terra canadese, la loro bimba :). E, in quanto nata su territorio canadese ,sarà a tutti gli effetti cittadina canadese.
Loro sono arrivati un mese fa e gli aggiornamenti che ci portano dall'Italia sono tutt'altro che confortanti...è vero, non è facile abbandonare tutto e ricominciare da zero in un altro paese, ma può valerne la pena eccome! Avere almeno la possibilità di mettersi alla prova e respirare nel'aria che tutto si può fare è un vero toccasana per la propria autostima. Con questo non voglio dire "venite tutti in Canada che si sta benissimo", assolutamente no e non è neppure facile restare, ma confrontarsi con realtà diverse dalla nostra ci rende più coscienti di quelle che sono le nostre capacità e di ciò che possiamo fare. (e vi posso assicurare che gli italiani spesso fanno la differenza!). All'inizio si è pieni di timori, ma data la situazione italiana cosa si perde realmente se si vuole fare un'esperienza all'estero? Direi proprio nulla! Anzi, quando e se tornerete avrete uno spirito completamente diverso, sarete più sicuri di voi stessi e più consci delle vostre capacità e saprete molto meglio una seconda lingua.

L'ultima idea che abbiamo avuto, nella speranza che possa essere utile, è di pubblicare sulla community annunci di lavoro che troviamo in giro per la città (i.e. bar tender, commesso/a, cuoco/a, cammeriere/a.. ) e che forse non sono pubblicizzati sui motori di ricerca di lavoro. Sicuramente non saranno i lavori che vi permetteranno di rimanere in Canada, ma sicuramente vi permetteranno di sostenere le spese dei primi tempi mentre continuate la ricerca del vostro vero lavoro e di uno sponsor.

Per questo.. chiamiamolo "Progetto".. chiediamo aiuto anche agli altri ragazzi che si trovano già qui: se per caso vedete qualcosa mentre siete in giro ci farebbe molto piacere se voleste condividerlo :)





Un abbraccio :)
Fede e Nico




Bidoni immondizia? Istruzioni per l'uso!





IKEA .. altro continente.. stessa atmosfera


Fine Marzo ad Eglington West Station


Fine Marzo al Parco


Fine Marzo al Parco


Fine Marzo al Parco


Pizza XL suggerita per 4 persone..
1 Pizza XL Federica ed Nico


Colazione all'italiana?
Cornetti fatti in casa


Spuntino.. panini con Zola, cotto e pomodori
piccole cose che fanno casa.. "Casa!" :)


Primo caffè che potuto chiamare "Espresso" :D


domenica 3 marzo 2013

Dal WHV all'LMO by Vale e Fabio

Questa é la prima volta che scriviamo un post a "8 mani" ed il condividere e confrontare le nostre esperienze, esperienze di amici che abbiamo conosciuto proprio grazie a questo blog ci ha dato una grande soddisfazione e ci piacerebbe proseguire con questo progetto.


Lunedi 18 Gennaio in quel dell'Ontario era il Family Day, recente festivita canadese.

Federica ed io ne abbiam approfittato per fare un salto a visitare Fabio e Valentina, due ragazzi che come noi sono arrivati in Canada con il WHV.

Proprio mentre ci gustavamo la pizza fatta da Valentina, la piu buona assaggiata da quando siamo in Canada, abbiamo parlato della loro esperienza e d'accordo con loro abbiamo deciso di condividere le loro esperienze in quel di Oakville.

Valentina e Fabio da sempre sono stati dei viaggiatori, partendo dalla Puglia con la loro MITICA VESPA, hanno girato meta .. forse 3/4 d'europa :) Si sono abituati a non dover dipendere molto dai trasporti pubblici ed a poter organizzare itinerari che non necessariamente debbano essere linee dritte! :) Essere in un continente tutto da scoprire senza il fido "destriero" e stata una esperienza tutta nuova che a 9 mesi di distanza.. inizia anche a mandare in crisi.

Eggia come detto più volte il Canada sembra essere stato disegnato a misura di macchina e se ci si sposta con i mezzi di trasporto, non sempre gli orari sono congeniali, i costi sono molto elevati e soprattutto al Week-End le corse sono riddottissime, se non addirittura assenti!

Ma Torniamo ai nostri "Vespisti": quando sono arrivati in Canada, avendo la fortuna di avere una Zia ad Oakville, hanno deciso di non andare a vivere nella grossa città e di restare in primis dai parenti e di conseguenza nella piccola cittadina; questo è stato molto bello dal punto di vista relazionale, infatti ogni tanto alla domenica ed alle feste maggiori erano ospiti dagli zii, ma dal punto di vista strategico, col senno di poi, un disastro!

La considerazione di Vale e Fabio è stata quella che se fossero stati in una città piu grossa, come Toronto, avrebbero speso non molto in più di affitto ma avrebbero avuto trasporti più efficienti e molte più probabilita di trovare entrambi un lavoro oltre al fatto di godersi appena di più questa esperienza in Canada.

Valentina ha lavorato presso alcuni ristoranti italiani.. non sappiamo se è un caso, ma lei pure si è lamentata per le mance mal ripartite e per gli stipendi minimi pagati.

Citando Valentina riguardo la ristorazione, ed in particolare al discorso paghe: "Come vi raccontavamo, sembrerebbe che gli stipendi siano più che interessanti per camerieri di lunga data (e, naturalmente con un buon inglese) e chef. Per tutti gli altri (aiuto cucina, aiuto cameriere, lavapiatti), e tra questi chi arriva qui con un inglese un po' "acerbo", le paghe sono molto spesso quelle minime previste per legge. Dunque, per chi ha già avuto esperienze in Italia, potrebbe anche accadere di trovarsi una busta paga più misera di quella percepita nel nostro Paese. A fronte, naturalmente, di un costo della vita in linea di massima più alto.

Ovviamente questo è solo un avviso. Non va assolutamente letto come un tentativo di scoraggiamento. Siamo sempre dell'opinione che ognuno può avere, anzi avrà, una storia diversa e che, in qualsiasi modo si elvolverà, rimarrà sempre un'esperienza insostituibile nella propria vita."


L'ultimo ristorante in cui Vale ha lavorato ha provato a farle da sponsor perchè aveva bisogno di una cuoca italiana.. ma i 2 LMO sono risultati negativi. Su questo punto Vale ha detto: "se dovessi tornare in dietro starei addosso ai datori di lavoro per assicurarmi che mandino via tutta la documentazione necessaria ed in modo corretto, magari informandosi anche appena sulle procedure, tra l'altro fornite dal CIC. Sembra che non capiscano che noi abbiamo le settimane contate e che un po' di impegno in più puo fare la differenza!!
Noi abbiamo trovato informazioni molto utili (o che sarebbero state tali se solo le avessero seguite i miei "employers", sul forum del sito www.canadavisa.com).

Comunque sì. Qui bisogna muoversi come siamo un po' abituati a fare nel nostro Paese. Informarsi su quanto di nostro interesse, per proprio conto e non affidarsi ciecamente di quanto ci viene detto dagli altri. Nel nostro caso i datori di lavoro. Effetivamente loro non hanno un'idea chiara della nostra situazione e delle nostre tempistiche. Dopotutto pensiamo per un attimo a quanto, noi stessi, ne sappiamo sulle leggi di immigrazione in Italia.
Detto ciò, va da se che, se intravedete un certo lassismo (per altro abbastanza autoctono tra i canadesi) da parte del vostro "sponsor", cercate di essere più incisivi nelle vostre richieste. Purtroppo, e qui mi ripeto, il tempo a nostra disposizione è davvero misero e molto spesso risulterà difficile riuscire a trovare un altro datore di lavoro disposto a farci da sponsor.
Ci sono alcuni aspetti basilari a cui il datore di lavoro deve prestare molta attenzione: lo stipendio deve almeno rispecchiare lo stipendio medio per quella posizione, il datore di lavoro deve spiegare lo sforzo fatto per assumere un canadese e quali sono i motivi per cui i candidati canadesi sono stati scartati ed infine i moduli presentati devono essere completi e privi di errori...
Purtroppo ogni tanto i canadesi sottovalutano l'attenzione con cui vengono valutati i documenti da parte degli uffici che devono rilasciare LMO."


Fabio invcece è disegnatore CAD, motivo per cui rimpiange di non essere subito partito dalla grande città!! Essendo in un piccolo centro ha ripartito le sue energie su più fronti.. Oakville, Missisaugua e Toronto. Risultato? Anche qua citando Fabio "Un buco nell'acqua, ho mandato un casino di Resume ma ho ricevuto pochissime risposte, e quando all'inizio ho fatto qualche colloquio a Toronto, con il fatto che abitavo lontano alcuni non mi hanno dato il giusto peso
Riguardo la figura del disegnatore CAD, così come per tante altre figure professionali come meccanico di auto, elettricista, idraulico e così via, in Canada esistono dei percorsi di formazione specifici per queste figure professionali e molto spesso (non per il caso specifico del disegnatore ma lo è per meccanici, elettricisti, ecc.) è necessario essere "lincesed" per esercitare quella professione.
I disegnatori italiani, invece, sono molto spesso geometri, periti, architetti o ingegneri. Dunque, noi arriviamo qui senza un diploma da disegnatore. E probabilmente questo giochi un po' a nostro sfavore. Inutile dire che, in realtà, la nostra formazione sarà di gran lunga più completa di un loro disegnatore "DOC".
Infine una nota riguardo al discorso "mobilty". La maggior parte delle aziende che ricercano disegnatori (soprattutto in ambito meccanico, ma anche civile) sono localizzate al di fuori di Toronto ed, in particolare, nella zona nord di Missisaugua. Questo vuole dire difficili da raggiungere coi mezzi pubblici anche abitando a Toronto. Per questo motivo, già nell'annuncio indicano come requisito fondamentale il possesso della patente (dunque, dell'auto).
Naturalmente in fase di candidatura potete anche sorvolare su questo punto. Ma in sede di colloquio, poichè è facile che vi chiedano come intendete raggiungere il luogo di lavoro, non penso serva a molto mentire. Può anche essere che, in realtà, voi davvero potete raggiungere il luogo di lavoro coi mezzi pubblici. Ma loro, abituati ad usare l'auto anche per brevi distanze, vedranno la cosa sempre come un elemento a vostro sfavore."


Quando ci siamo messi a parlare della città ci siamo trovati d'accordo su molte cose: per i primi mesi è fondamentale essere vicino alle linee dei trasporti pubblici ed in zone, magari non idilliache ma che permettano di muoversi agevolmente a tutte le ore e con i servizi essenziali facilmente raggiungibili.

Perchè? Pensate solo a fare la spesa.. non ci vuole molto per avere 10-20 Kg di spesa, a testa, da portarsi in spalla, vi spiego anche come mai: Se comprate 5Kg di Farina lo pagate 9$ mentre 10Kg li pagate 12$, oppure il latte 4 litri costano 5$ mentre un litro ne costa quasi 2 .. si, più è grossa la confezione, meno costa (in proporzione) oppure i detersivi che in media sono 3 litri... Per cui pensate ad essere in autobus con più borse della spesa.. e magari a dover fare centinaia di metri a piedi perchè il mezzo più vicino è abbastanza lontano. All'inizio puo anche divertire un attimo ma quando inizia a esserci neve e ghiaccio o quei -10/-17 che abbiamo avuto per diverse settimane, non tutti si divertono.

Fede ed io abbiamo preso un paio di volte il Taxi, abitiamo poco lontano dal supermercato ed il costo era poco superiore al costo dei mezzi e ci ha "scaricato" davanti a casa.

Fabio ci ha ammesso che essendo in un centro minore, divenuto quasi quartiere dormitorio, se non si lavora, d'inverno si rischia di restare rintanati in casa tutto il tempo, sia per il freddo, sia per la carenza dei trasporti ma soprattutto per la mancanza di strutture ed attivita da svolgere e posti da scoprire.

Fabio ad esempio ha rimpianto il fatto di non avere una macchina e di come ad Oakville non esistono progetti di car-sharing!

Cos'è e come funziona il car-sharing? è semplice ed interessante: serve una patente Canadese da più di un anno oppure la patente internazionale (un attestato di rischio tradotto aiuta) di seguito ci si registra sul sito o con un rappresentante.. e poi si ha accesso a queste macchine parcheggiate in giro per la città in parcheggi convenzionati. La tariffazione è ad ore. Il costo del noleggio include benzina ed assicurazione ed un 100-200 Km inclusi.. i mezzi si possono prenotare oppure se non sono prenotati di libero accesso.
Purtroppo questa rete di noleggio/condivisione si trova solo nelle città maggiori ed addiruttura solo nelle zone più centrali.

Prima ho parlato dell'anima "Vespista" di Vale e Fabio ed ho compreso quando Fabio mi ha detto: "Quando torno in Canada appena arrivo mi prendo una Vespa da usare, ma per ora la prossima destinazione deve essere un posto in cui possiamo arrivarci con la nostra Vespa!"

E si dopo il secondo LMO Negativo, l'esperienza Vale e Fabio in Canada termina si è estesa di solo 4 mesi rispetto al progetto iniziale, noi speriamo di rivederli a Giugno quando saremo in Italia...se non saranno già ripartiti per altre destinazioni.

Oggi 1 Marzo sono in volo verso l'Italia e solo la loro Vespa sa quale sarà la prossima loro destinazione...

Buon viaggio ragazzi .. nuovamente: Strade in Movimento!!

:D